7 min reads

Headless CMS: cos'è, come funziona e tutti i suoi vantaggi

Headless CMS
Table of content

Sono numerose le aziende che mirano a espandere la propria comunicazione mediante strategie di marketing multi-channel. Questo trend crea difficoltà ai tecnici IT i quali si trovano a dover gestire diverse interfacce di pubblicazione del contenuto e database in contemporanea.

Per porre rimedio a questa situazione, sono nati i CMS Headless, che utilizzano un approccio disaccoppiato in cui la gestione del backend (body) è per l'appunto separata dal frontend (headless). Tale soluzione senza testa sfrutta sistemi di API per collegare questi due processi e semplifica l’intera gestione dei contenuti e offre una migliore esperienza utente senza che nessuna delle due parti prevalga sull’altra; ecco perché un altro nomignolo dei CMS Headless è CMS API-First content platform.

Come riporta "Moka ADV", il giro di mercato di questi CMS è stato di 328,5 milioni di dollari nel 2019 e dovrebbe raggiungere gli 1,62 miliardi di dollari nel 2027 con un tasso annuo di crescita composto (CAGR) del 22,6%.


Headless CMS vs CMS Tradizionale

Rispetto a un CMS tradizionale, che offre un'interfaccia di amministrazione migliore, magari per via della presenza di un editor WYSIWYG, logiche di drag and drop e di editing live, le piattaforme headless sono più indietro. Ma stanno facendo passi da gigante in questo senso per fornire un'esperienza di backoffice di buon livello. C'è poi il tema dei template, che rendono i CMS Headless più piacevoli da fruire out of the box.


Non è poi un segreto il fatto che un CMS Headless richieda costi e tempi di implementazione aggiuntivi, poiché il suo front-end dev'essere costruito (o acquistato) e solo poi integrato separatamente dal back-end.

I VANTAGGI DELL'HEADLESS CMS 

Come detto, i CMS Headless sono agnostici dal punto di vista del front-end; ciò significa che è possibile adattare i contenuti per la distribuzione su siti web, telefoni cellulari, smartwatch, AR/VR e persino jumbotron. 

Con un CMS tradizionale come può esser Wordpress, invece, non si ha una simile libertà omnicanale. Si è vincolati e limitati nella distribuzione ai canali supportati dal CMS. Ciò significa che se si desidera inviare i contenuti ai telefoni cellulari e il CMS di turno non supporta questo utilizzo, la distribuzione su questo canale è possibile.

Oltre a quanto scritto, un altro limite dei CMS tradizionali è la limitata disinvoltura con la quale sono possibili le personalizzazioni. Gli sviluppatori che lavorano su questi tipi di content management system sono inoltre spesso costretti a imparare a utilizzare framework specifici, magari vecchi di decenni. Parliamo di te, Joomla! 

Per lo stesso motivo, con i CMS tradizionali passare da un fornitore all'altro è costoso e richiede tempo, poiché i Dev devono imparare i linguaggi di programmazione compatibili con essi. Al contrario, gli headless, essendo basati su API, non presentano questo inconveniente. È quindi sicuramente possibile decidere di passare da un CMS Headless a un altro, certo sarà necessario tenere conto dei costi nel cambiare vendor!

I VANTAGGI DEGLI HEADLESS CMS : LA SCALABILITÀ

I sistemi CMS classici ospitano i contenuti all'interno di server dedicati "classici", rendendo più difficile la gestione del traffico e la scalabilità. Inoltre, qualsiasi fermo dei server si ripercuote sia sul front-end che sul back-end poiché sono accoppiati.

Con un front-end separato dal back-end, invece, qualora il secondo dovesse andare offline, presentare problemi o necessità di manutenzione, non ci saranno tempi di inattività sul front-end.

I CMS Headless proteggono inoltre dai picchi di traffico alla perdita di dati. Se si verifica un evento nefasto, i dati, essendo archiviati in modo sicuro nel cloud.

I VANTAGGI DEGLI HEADLESS CMS : SISTEMI NO-BLOAT

I CMS tradizionali sono dotati di diverse forme di personalizzazione nel tentativo di risolvere i problemi di distribuzione dei contenuti. Il problema è che ci sono troppe funzionalità extra che vengono fornite con il CMS.

Non solo, ma spesso si deve lavorare con software pre-esistenti, il che può diventare dannoso per lo sviluppo del prodotto.

Con i CMS Headless non dovete avere a che fare con sistemi gonfiati o software legacy. Siete voi a decidere quali strumenti integrare nei vostri prodotti, riducendo o annullando l’ammontare dei danni e rendendo i team più produttivi.

I VANTAGGI DEGLI HEADLESS CMS : RIDOTTO TIME-TO-MARKET

Essendo basati su API, i CMS Headless facilitano l'integrazione, la manipolazione e la distribuzione dei contenuti. Poiché i contenuti non sono vincolati al front-end, è possibile rivolgersi a nuovi canali senza modificare il back-end. Questo supporto multipiattaforma aumenta l'ottimizzazione e riduce notevolmente il time-to-market.

I VANTAGGI DEGLI HEADLESS CMS : AGGIORNAMENTI AUTOMATICI

Con i CMS tradizionali l'utente è responsabile dell'aggiornamento di plug-in, temi e software. Non solo, esso deve anche testare questi update affinché sia certo siano compatibili con altri plug-in, temi o con la versione del CMS installata nel suo sito. 

I fornitori headless tengono aggiornati continuamente i loro sistemi, consentendo al webmaster e agli editor di lavorare più sereni.

I VANTAGGI DEGLI HEADLESS CMS : LA SICUREZZA

I CMS headless sono scarsamente vulnerabili agli attacchi DDoS poiché, come detto tante volte, il front-end è separato dal back-end.

Poiché hanno un solo punto di accesso, le API, gli headless hanno minori problemi di sicurezza rispetto a un CMS tradizionale che ha bisogno invece di frequenti aggiornamenti safety e patch di sicurezza.

IN SINTESI: QUANDO UTILIZZARE UN CMS HEADLESS

Se il vostro modello di business si basa sull'erogazione di contenuti omnichannel e i vostri contenuti sono disponibili su più dispositivi e piattaforme, allora scegliere headless rispetto a un CMS tradizionale è sicuramente una buona scelta; un altro motivo, come detto, è la scalabilità: questo perché il sistema di interscambio tra front end e back-end gestito via API permette di superare i limiti di una tipica piattaforma sia a livello di funzionalità sia di performance.

IN SINTESI: QUANDO NON UTILIZZARE UN CMS HEADLESS

Prima di decidere se utilizzare un CMS Headless, è bene chiedersi, anche alla luce di quando illustrato, se ne avete veramente bisogno.

Solo la comprensione degli obiettivi a breve e a lungo termine aiuta in questa scegliere il sistema di gestione dei contenuti più adatto alle esigenze aziendali.

Best CMS Headless del 2022

Strapi

Strapi è un sistema di gestione dei contenuti headless su Node.js open-source il che significa che l'intera base di codice è disponibile su GitHub. Strapi genera un API RESTful funzionante o utilizza GraphQL dopo l'installazione. I dati sono resi disponibili attraverso un'API personalizzabile.

È importante notare che questo CMS Headless è un sistema di gestione dei contenuti self-hosted, non SaaS, e che l'azienda non ha in programma di introdurre una versione hosted nel prossimo futuro.

Sebbene Strapi disponga di funzionalità che facilitano il compito di gestire le sessioni e le applicazioni degli utenti, gli utenti hanno riscontrato occasionalmente problemi con l'interfaccia drag-and-drop e con le tipologie di dati degli array. Inoltre, le sinergie nel database non funzionano come previsto. Non ci sono strumenti integrati per la migrazione dei dati. Non c'è 2FA, e il sistema non elimina automaticamente dal database le tabelle e le colonne non necessarie

L'impostazione di un nuovo progetto con Strapi è super facile e veloce, la creazione di API è rapida e molto personalizzabile.

Caratteristiche degne di nota: 

- supporto integrato per API RESTful e GraphQL;
- 100% JavaScript per il front-end e il CMS;
- buon pannello di amministrazione per gli editor di contenuti, completamente personalizzabile;
- buon ecosistema di plug-in;
- il prezzo: la versione gratuita permette di avere solo un numero limitato di utenti e ruoli, e l’unica che sblocca un supporto più ampio è quella enterprise, molto costosa;
- possibilità di modificare il codice API per personalizzarlo ulteriormente;
- possibilità di di definire la struttura del tipo di contenuto desiderato, con la possibilità di determinare categorie come testo, data, media, password, relazione e numero;
- documentazione generata automaticamente, l'integrazione di framework.

Sanity

Sanity è uno dei migliori CMS headless sul mercato, come dimostrano i casi studio di aziende quali Nike, Figma, National Geographic e altre che lo hanno scelto per la sua flessibilità.

La sua personalizzazione è infatti molto ampia grazie al supporto open-source, ai numerosi plug-in e alla possibilità di creare componenti personalizzati a seconda delle necessità.

I DEV che lo utilizzano possono personalizzare l'ambiente di editing utilizzando JavaScript e React, e integrare facilmente il back-end con potenti API sfruttando le grandi capacità di modellazione dei dati. Il prodotto è dotato di anteprime, collaborazione in tempo reale e una cronologia completa delle versioni. Sanity offre molta più libertà, ma richiede maggiori conoscenze tecniche.

Caratteristiche degne di nota:

- supporta molte tecnologie, tra cui React;
- ampia personalizzazione;
- anteprime per i team marketing
- per utilizzarlo sono necessarie conoscenze tecniche approfondite per configurare il prodotto.

DatoCMS

L'aspetto notevole di DatoCMS è che è scritto in Node.js ed è basato su GraphQL, il quale permette di specificare i dati di cui il client ha bisogno. DatoCMS include anche un builder per comporre la struttura degli oggetti, webhook, contenuti multilingue e altre funzionalità.Se desiderate un CMS facile da usare e altamente compatibile con un'ampia gamma di altre tecnologie, DatoCMS ha molto da offrire. Anche il piano gratuito supporta le API GraphQL e l'integrazione con framework di siti come Gatsby, Next.js o React non è un problema.

Caratteristiche e aspetti da considerare:

- supporta molto i framework di siti statici;
- facile da configurare
- ha una gamma di funzionalità molto ristretta.

Conclusioni

La maggior parte dei brand sperimenta una forte spinta ad aggiungere nuovi canali digitali, migliorare l'esperienza dei clienti, e aumentare la velocità e l'agilità nello sviluppo. Questo fa parte del contesto che più significativamente influenza e alimenta il trend headless. Configurare e utilizzare un CMS headless però non è semplice.

Sono richieste diverse abilità da parte degli sviluppatori, sia in termini di pensiero digitale che di know-how tecnico. Se desideri un back-office smart da utilizzare per caricare i contenuti marketing della tua azienda, e vuoi che questi siano accessibili da diversi client (siti web, app mobile…), allora un CMS headless potrebbe essere la soluzione adatta.

Se pensi poi che la configurazione e l’utilizzo del CMS headless sia troppo complicato o dispendioso in termini di tempo e risorse per il tuo team IT, allora potresti rivolgerti a noi di DMA. I nostri Dev sono infatti muniti delle competenze tecniche e trasversali idonee nel gestire un progetto headless.



Clicca qui per entrare in contatto con Lorenzo Croccolino, Backend Developer di DMA con il quale valore come scalare il tuo sito web.

Aggiornato il
Customer Technology
Seguici su Linkedin
Logo DMA small
Spread the word!

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo ai tuoi amici e @taggaci

Prenota una call con un nostro esperto

Secondo l’area di attivazione, il consulente aziendale progettare la tua digital transformation in modo concreto e puntuale.